Parco Archeologico di Selinunte

Parco Archeologico di Selinunte e Cave di Cusa

Il Parco archeologico di Selinunte e Cave di Cusa è stato istituito dalla Regione Siciliana l’1.9.2010, come Servizio periferico dell’Assessorato regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana. Si tratta di uno dei parchi archeologici più grandi e importanti del mondo, coi suoi 270 ettari a Selinunte, più i 60 delle Cave di Cusa. Al suo interno si trovano imponenti strutture templari: sulla collina orientale il tempio G (o di Zeus), uno dei più grandi templi realizzati dai Greci, ed i templi E (o di Hera), tra le più pure espressioni dell’arte dorica, ed F; sull’Acropoli (dove si può notare ancora il sistema viario di tipo ippodameo) i templi A, O, B, C (o di Apollo), D, Y. A nord, si trova l’abitato, con l’Agorà, recentemente portata alla luce, e la tomba dell’ecista. Ad ovest si trovano il battistero bizantino, il piccolo santuario di Hera Matronale, quello grande di Demetra Malophoros, con il tempietto di Zeus Meilichios, la fontana della Gaggera e l’Antiquarium, il cosiddetto “tempio” M e le necropoli. L’area archeologica delle Cave di Cusa si trova a 13 Km circa da Selinunte, S.P. Tre Fontane, nel territorio di Campobello di Mazara (TP). Si tratta delle cave di calcarenite, estese per circa 2 km, dove venivano estratti i rocchi di colonna per le costruzioni templari di Selinunte.

Marinella di Selinunte

91022 Castelvetrano TP

Tel 092446277

Mail: urp.parco.archeo.selinunte@regione.sicilia.it

Orario d’ingresso: Tutti i giorni
Periodo invernale (vigenza ora solare):

dalle 9.00 alle 17.00. Chiusura Biglietteria:ore 16.00

Periodo estivo:

dalle 9.00 alle 19.00. Chiusura Biglietteria: ore 18.00

Costo biglietto visita Selinunte:

Intero € 6,00, Ridotto € 3,00,

Costo biglietto visita Cave di Cusa:

Singolo intero € 2,00, ridotto € 1,00

Il biglietto d’ingresso a Selinunte è comprensivo della visita alle Cave di Cusa. Per eventuali aggiornamenti degli orari sopra riportati si consiglia di consultare il sito del Dipartimento Beni Culturali e I.S. o la pagina

Condividiamo l’arte