img_5067-55705b4f9447f

Il Museo della civiltà contadina di Campobello sarà inserito nella Rete Museale Belicina

Il Museo della civiltà contadina di Campobello di Mazara sarà inserito nella Rete Museale Belicina di cui fanno parte 11 comuni, i parchi archeologici di Selinunte-Cave di Cusa e di Segesta, la Fondazione Orestiadi di Gibellina, il CAM, l’itinerario culturale “la Rotta dei Fenici”, Legambiente e diverse associazioni culturali ed enti del territorio.

La proposta è stata avanzata al sindaco Giuseppe Castiglione lunedì scorso (1 giugno), al Baglio Florio-Cave di Cusa, durante un incontro promosso da Legambiente Sicilia nell’ambito della campagna “Salvalarte Belice 2015”.

La tavola rotonda dal titolo “Salviamo il museo della civiltà contadina” è stata coordinata dall’arch. Giuseppe Salluzzo, presidente di Legambiente e direttore della Rete Belicina. All’incontro, al quale erano presenti anche il vicesindaco Antonella Moceri e il presidente del Consiglio comunale Simone Tumminello, sono state invitate associazioni cittadine impegnate in ambito culturale e nella promozione del territorio. Si è tenuto un dibattito dal quale sono emerse idee e proposte per rilanciare il museo campobellese e, più in generale, per promuovere il territorio dal punto di vista culturale e turistico.

Sono intervenuti il sindaco Giuseppe Castiglione, l’arch. Giuseppe Scuderi, funzionario dell’ente Parco Selinunte-Cave di Cusa, il presidente della Pro Loco di Campobello Mauro Cudia, Vito Puccio, presidente del Cesvop, Nicola Miceli, presidente del club Unesco di Castelvetrano, Giuseppe Bivona della Rete Belicina e la prof.ssa Anna Falcone, fondatrice, nel ’72, assieme a Isidoro Passanante, Vita Gulotta e Tonino Cusumano del Museo della Civiltà contadina di Campobello che da circa 7 anni è ospitato all’interno del Baglio Florio.

Il sindaco Castiglione ha accolto positivamente la proposta dell’arch. Salluzzo, dichiarando: «Il nostro Comune ha un grande bisogno di promuovere il territorio. Negli ultimi anni Campobello è infatti rimasto escluso da qualsiasi tipo di iniziativa che avrebbe potuto portare crescita culturale ed economica al paese. Ѐ mio intendimento, invece, sostenere ogni attività o proposta che abbia come obiettivo il rilancio di Campobello».